L'importanza del sorriso nell'estetica del viso

L’importanza del sorriso nell’estetica del viso

sorriso Quando si guarda o si comunica con un individuo, lo sguardo dell’osservatore si sposta dagli occhi alla bocca, le due regioni più espressive del volto. In effetti, tra le zone che più influenzano l’estetica generale del viso, il sorriso è secondo soltanto agli occhi.

E' da sempre uno dei desideri del genere umano avere denti più bianchi. Sin dall'antichità l'uomo ci ha provato attraverso diverse tecniche e ingredienti: molte volte senza risultati, altre con ripercussioni gravi sui propri denti. Oggi siamo in grado di sbiancare i nostri denti senza conseguenze.

Due sono i requisiti essenziali: il prodotto giusto e in secondo luogo il suo corretto utilizzo, infatti il trattamento sbiancante deve avvenire sotto la supervisione del professionista dentale.

Da cosa è dato il colore del dente?

 È dato dalla dentina (tessuto interno sotto lo smalto), lo smalto è totalmente trasparente, quindi è importante prendere in considerazione sia il colore della dentina, sia lo spessore dello smalto che andando avanti con l’età si riduce.

La tinta è il “cognome” del dente: identifichiamo 4 tinte (a-b-c-d)

  • A è una tinta bianca tendente al marrone. L’80% dei denti sono così
  • B è la tinta più bella in natura, bianca tendente al giallo
  • C bianco tendente al grigio
  • D bianco tendente all’arancio-rosa

Come funziona lo sbiancamento?

La reazione che avviene è modulata da 2 agenti sbiancanti: Perossido d’idrogeno, Perossido di carbamide. Essi liberano ossigeno nascente (o singoletto), il quale funge da “spazzino” sui pigmenti dei denti. 

Procedura tecnica dello sbiancamento:

Lo sbiancamento può essere professionale o domiciliare è un trattamento che si effettua sui denti sani.

Lo sbiancamento domiciliare si esegue con l’ausilio di mascherine personalizzate, il quale il paziente dovrà lui stesso caricare con gel sbiancante, i tempi di applicazione variano a seconda della concentrazione scelta.       Lo sbiancamento professionale, si basa sull’applicazione in studio di Perossido di Idrogeno ad alta concentrazione, sotto la stretta sorveglianza del professionista sanitario. I risultati si ottengono in tempi più brevi rispetto al trattamento domiciliare.

Protocollo per lo sbiancamento dentale:

Seduta di igiene orale professionale, con l’obiettivo principale di eliminare placca, e tartaro i quali potrebbero inibire o ridurre l’effetto degli agenti sbiancanti.

  • Determinazione del colore iniziale dei denti con l’ausilio della scala VITA, e documentazione fotografica prima dello sbiancamento.
  • Esecuzione del trattamento attraverso l’applicazione del prodotto.
  • Determinazione del colore finale e documentazione fotografica.
  • Istruzioni al paziente per ottenere e mantenere i migliori risultati.

Lo sbiancamento può durare per molto tempo, ma la sua longevità dipende dalle abitudini del paziente: se assume cibi e bevande che macchiano i denti, o fuma, queste abitudini viziate andranno a inficiare la durata dello sbiancamento.

 

A cura della Dott.ssa Sabrina Trocino

Potrebbe interessarti anche

 Il Miswak, conosciuto anche come Siwak, è uno strumento per l’igiene orale molto utilizzato nella tradizione araba,...
 In tempi recenti, il costante sviluppo di protocolli terapeutici presentanti mini-invasività, minima traumaticità e...
I fitoterapici sono efficaci nella cura della malattia parodontale?Fitoterapici a base di componenti naturali, preparati a base...
Diabete e malattia parodontale: La presa di coscienzaDiversi decenni di ricerca hanno dimostrato le strette interrelazioni tra il...
Il microbiota può incidere sul tasso di mortalità?La mucosa orale, come tutte le altre superfici mucose dell’organismo umano, è...
×