Disturbi della voce: come prevenirli?

La voce è lo strumento attraverso il quale ogni giorno riusciamo a veicolare emozioni, stati d’animo, informazioni e che ci permette di interagire con le persone che ci circondano.
Ognuno di noi possiede un timbro vocale che lo contraddistingue e in cui si riconosce; per questo quando si manifesta un disturbo della fonazione, tale da rendere la voce rauca e la comunicazione molto faticosa, si percepisce da subito una limitazione nelle attività quotidiane e nella capacità di parlare, con la presenza di uno sforzo maggiore e non riconoscendo più la propria voce.

Cosa possiamo fare allora per evitare l’insorgere di questi disturbi e proteggere la nostra voce?

Le cause della disfonia, ovvero l’alterazione della voce parlata e cantata, temporanea o duratura, possono essere moltissime. Tra quelle principali vi sono:

  • l’abuso o cattivo uso della voce, come nel caso delle disfonie dette appunto “disfunzionali” presenti nei professionisti della voce, cantanti o attori, ma anche in persone che utilizzano la voce in maniera sbagliata sovraccaricando le corde vocali (per esempio urlando, parlando troppo e in modo veloce) e che possono portare nel tempo a lesioni cordali come noduli o polipi
  • laringiti acute o croniche
  • malformazioni congenite
  • cancro della laringe
  • traumi chirurgici o accidentali alla zona del collo/laringe
  • malattie metaboliche
  • patologie di origine psichica o psicologica

I sintomi con cui si manifesta questo disturbo possono essere molteplici e solitamente sono mancanza di voce, raucedine, bruciore faringeo, fatica nel parlare, fino ad arrivare in alcuni casi all’afonia, cioè la mancanza completa di voce.
Se la disfonia persiste per più di 10/15 giorni è necessario rivolgersi ad un otorinolaringoiatra o ad un foniatra per diagnosticare la disfonia e se necessario eseguire un esame endoscopico cosi da identificarne la causa.

Il medico specialista, se lo riterrà opportuno invierà in seguito il paziente da un logopedista per iniziare un trattamento volto a migliorare l’uso della propria voce, imparando a respirare correttamente, utilizzare una buona velocità nell’eloquio e rispettare alcune norme di igiene vocale.

Di seguito l’elenco di alcune regole, valide per tutti e da applicare quotidianamente, per evitare l’insorgenza di disturbi a carico della voce che è bene rispettare per mantenere il nostro prezioso strumento vocale in salute e funzionante.

  1. Evitare di parlare ad intensità elevata e non parlare in ambienti rumorosi, troppo grandi o con un’acustica difettosa.
  2. È consigliato parlare a distanza ravvicinata in modo da ridurre lo stress vocale e diminuire le distanze comunicative in tutti i sensi; dare la possibilità di rinforzare l’ascolto con la lettura labiale alleggerisce il carico vocale e migliora i rapporti interpersonali.
  3. Evitare di parlare durante o subito dopo lo sforzo fisico.
  4. Evitare di parlare troppo e in maniera scorretta. Quando ci si rende conto di parlare in condizioni svantaggiose è meglio limitare la comunicazione allo stretto indispensabile; evitare urli, grida e comportamenti di raclage (raschiare la voce) inutili.
  5. Evitare le prolungate emissioni sussurrate o bisbigliate, che provocano contratture fonatorie
  6. Evitare forti risate, imitazioni e caricature vocali.
  7. Evitare di raschiare la gola (raclage) e la tosse stizzosa, nel caso di estrema necessità farli in modo moderato e meno frequentemente possibile.
    Per quanto siano comportamenti che provocano un sollievo momentaneo, raschiare o tossire quando la voce è sporca o velata danneggia le corde vocali.
    Quando si sente il desiderio di schiarirsi la voce si può deglutire oppure bere un sorso d’acqua, o ancora, succhiare una caramella.
  8. Evitare le lunghe conversazioni telefoniche, le discussioni animate, il canto o qualsiasi sforzo vocale in caso di infiammazioni della gola e della laringe.
  9. Respirare a bocca chiusa: per questo motivo è indispensabile curare ed eliminare tutti i disturbi delle cavità nasali.
  10. Riguardarsi da raffreddamenti e dai repentini cambi di temperatura: gli sbalzi, le correnti d’aria o i condizionatori usati in modo eccessivo possono causare raffreddamenti e irrigidimenti muscolari.
  11. Evitare di coprirsi in modo eccessivo. Coprirsi troppo o divenire schiavi di sciarpe o foulards non aiuta il benessere.
  12. Moderare l’assunzione di caffeina, dal momento che troppi caffè tendono a ridurre l’idratazione delle corde vocali e mantenersi idratati bevendo almeno due litri di acqua al giorno per mantenere in buona salute corpo e voce.
  13. Non eccedere nell’uso di alcool e fumo.
  14. Evitare l’uso continuo di indumenti come corsetti, cinture strette, guaine addominali che non permettono una corretta respirazione.
  15. Per i professionisti del canto, prima di ogni prestazione vocale è necessario regolare l’alimentazione, evitando pasti abbondanti e difficilmente digeribili, ed è sconsigliato assumere bibite troppo calde o troppo fredde.

                                                                                                                                                                                                                              Dott. Martina Siri

 

                                                                                                                                                                                                                                                        Logopedista – Centro Medico De Amicis 

Potrebbe interessarti anche

Diffusione dei Disturbi del Linguaggio I Disturbi del Linguaggio rappresentano i disturbi di sviluppo più...
Quando e come intervenire?Capita spesso che i genitori, spontaneamente o indirizzati dai pediatri o dalle maestre, si rivolgano...
×