Che cosa è il Campo Visivo

Che cosa è il Campo Visivo

L’esame del campo visivo computerizzato serve per valutare se esistano sia alterazioni di sensibilità retinica sia alterazioni a carico del nervo ottico. L’esame è svolto un occhio alla volta (al paziente sarà quindi occluso prima l’occhio sinistro e poi l’occhio destro).

Il campo visivo (CV) è quell’ area visiva che ci permette di vedere lo spazio che ci circonda.

L’esame del CV consiste nell’analisi della sensibilità retinica alla stimolazione luminosa con stimoli che possono variare per grandezza ed intensità.

E’ un esame di semplice esecuzione che richiede una buona collaborazione del paziente.

L’ esame ci fornisce un grafico nel quale, nel caso in cui vi siano delle alterazioni della sensibilità retinica, si evidenzieranno degli scotomi relativi (Aree di sofferenza), se la perdita della funzionalità retinica non sia totale, e assoluti, nel caso in cui invece ci sia una totale assenza della risposta alla stimolazione luminosa.

La presenza e la disposizione di tali scotomi hanno delle caratteristiche tipiche a seconda della patologia o del danno neuronale di cui è soggetto il paziente e permette allo specialista di identificarlo e seguirne l’ evoluzione nell’ arco del tempo per valutarne il peggioramento o l’ eventuale miglioramento. 

Come viene eseguito l’ esame?

L’ esame viene eseguito una volta per occhio facendo poggiare il mento e la fronte allo strumento. Il paziente dovrà tenere l’ occhio fermo su una mira di fissazione, in genere una croce luminosa di colore verde, e tenendo una pulsantiera in mano dovrà schiacciarla ogni qual volta vedrà spuntare una lucina bianca all’ interno dello strumento senza però seguirne mai gli spostamenti con gli occhi.

Tali mire luminose si accenderanno in diversi punti della cupola e potranno essere più o meno vicine alla mira di fissazione e presentarsi in alto, in basso, a destra e a sinistra di questa.

L’ attendibilità dell’ esame ci viene fornita dalla presenza di alcuni valori quali a seconda che il paziente schiacci il pulsante senza che gli sia stato presentato lo stimolo (falsi positivi), qualora ci sono delle risposte differenti su aree retiniche testate più di una volta (falsi negativi) e la perdita di fissazione, che si riscontra quando il paziente percepisce uno stimolo che viene presentato in corrispondenza della macchia cieca e che perciò non dovrebbe essere visto. 

DOMANDE UTILI PER IL PAZIENTE

È un esame che possono fare tutti?
Il test non presenta controindicazioni, ma richiede una certa collaborazione da parte del paziente.

Occorre qualche tipo di preparazione particolare all’esame?
No.

È meglio che mi faccia accompagnare da qualcuno o posso venire da solo? Potrò guidare la macchina per tornare a casa?
Non occorre essere accompagnati.

L'esame è doloroso o provoca altri tipi di disagio?
No

L'esame comporta dei rischi immediati?
No.

L'esame comporta dei rischi a lungo termine?
L’esame non comporta assolutamente alcun rischio

Quanto dura?
Quando vengono esaminati entrambi gli occhi l'esame può durare fino a 45 minuti.

Alla fine posso andare subito a casa o devo restare in osservazione? Per quanto?
No, dopo l'esame si può subito andare a casa.

Posso riprendere subito la mia vita normale o devo avere particolari accortezze?
Si può riprendere subito la propria vita normale.

Presso questo centro è posssibile effettuare

· esame del campo visivo computerizzato

· senza lista d’attesa

· refertazione immediata

· diagnosi e monitoraggio di glaucoma

· patologie delle vie ottiche

· patologie della periferia retinica

· malattie neurologiche

· maculopatie

· retinopatia diabetica

· visita per conseguimento/rinnovo di tutte le categorie patente di guida

· valutazione dei requisiti visivi per patente nautica e porto d’armi

· valutazione percentuale del danno a scopo medico legale (campo visivo periferico residuo espresso in percentuale)

 

 

 

Potrebbe interessarti anche

 L’esame del campo visivo computerizzato – o perimetria computerizzata – è un test non invasivo ...
La correlazione tra una corretta dietà e le patologia della maculopatia degenerativa è da parecchi anni dimostrata. infatti il...
×